Hai pubblicato un post sulla tua pagina Facebook e non l’ha visto praticamente nessuno. Capita, anzi è normale. La risposta ai tuoi problemi si chiama Facebook Ads, ed ecco la guida definitiva per cominciare al meglio.

 

Facebook Ads

E’ stato largamente dimostrato che i social network, ad oggi , rappresentano il miglior modo di investire i soldi per un business.

Non solo, uno studio del Financial Times ha dimostrato che in alcuni casi Facebook è 7 volte meno caro degli altri social network quando si tratta di fare pubblicità.

Ma tutto questo in pratica cosa vuol dire?
Semplificando:

Oggi è possibile avere risultati concreti con soli 10€ al giorno su Facebook.

Fantastico, no!?!

E quindi cosa aspettiamo a cominciare?

 

Come muoversi in questa guida

C’è molto da imparare sulle Facebook Ads per questo ho semplificato la tua lettura dividendo la guida in 5 paragrafi:

Capitolo 1: Introduzione, come cominciare al meglio la gestione delle pubblicità

Capitolo 2: Scegli l’obiettivo, scegliere il giusto obiettivo rappresenta il fulcro della tua pubblicità

Capitolo 3: Crea il tuo pubblico, impara come gestire le diverse impostazioni per creare il pubblico adatto al tuo scopo

Capitolo 4: Imposta il budget, utilizzare un budget inadeguato è uno degli errori principali quando si creano le inserzioni su Facebook

Capitolo 5: Strategie e suggerimenti, ecco qualche strategia usata dai professionisti per moltiplicare i risultati delle tue inserzioni

 

Capitolo 1

Perchè usare Facebook Ads?

Se vuoi far crescere il tuo business online non esiste uno strumento più efficace di Facebook Ads. Puoi aumentare la dei tuoi clienti, e tanto altro.

Considerando poi che ogni giorno si collegano più 20 milioni di italiani, non avrai difficoltà a trovare i tuoi potenziali clienti sul social network blu.

Questi sono solo alcuni aspetti che rendono le Facebook Ads cosi efficaci:

  • Costo: E’ possibile avere visitatori al proprio sito web con soli 3 centesimi per clic
  • Pubblico: Con 20 milioni di utenti attivi ogni giorno, hai una scelta praticamente infinita
  • Attenzione: Quanta gente cammina a testa bassa guardano lo schermo delle smartphone? Se vuoi essere visibile devi essere dove la gente passa più tempo.
  • Portata organica: Hai una pagina Facebook? Hai notato quante persone vedono i tuoi post? Bene, allora avrai sicuramente capito che senza investire non avrai mai dei risultati.
  • Dati: Con tutti i dati a disposizione di Facebook, puoi raggiungere solo i potenziali clienti del tuo prodotto/servizio risparmiando un mucchio di soldi. Mostrare il messaggio giusto alla persona giusta è il miglior modo di investire.

 

Pro e Contro di Facebook Ads

Prima di entrare nel dettaglio voglio condividere con te un’ottima lista di pro e contro delle pubblicità su Facebook, realizzata da Moz eccola qui:

Pro

  • Le campagne sono facili da monitorare
  • Ottieni un immediato flusso di traffico
  • Controllo completo sulla spesa giornaliera
  • Capisci subito qual’è il tuo ritorno sull’investimento
  • Infinite opzioni di scelta del pubblico: luoghi, interessi, età, comportamenti, connessioni, ecc..
  • Possibilità di usare vari formati per stimolare l’interesse del pubblico verso il tuo prodotto/servizio

 

Contro

  • Sbagliare in fase di creazione i vari parametri può essere dispendioso
  • Poco adatto ad un approccio B2B
  • Ci vuole un pò di tempo prima di imparare come impostare i vari parametri

 

Come iniziare

Per entrare nella piattaforma di Facebook Ads puoi cliccare su questo link  da pc oppure cliccare nella freccetta in alto a destra e scegliere la voce “gestisci inserzioni”.

 

Gestisci inserzioni Facebook Ads

 

Se vuoi gestire le tue pubblicità da smartphone puoi utilizzare l’app ufficiale per le inserzioni di Facebook, ecco i link: iOS e Android

 

La piattaforma

Da “gestione inserzioni” puoi controllare numerosi aspetti delle tue pubblicità, ecco una grafica per farti capire meglio:

Infografica Facebook Ads

 

  1. Selezione Account pubblicitario
  2. Menù generale
  3. Elenco campagne
  4. Data di riferimento
  5. Filtri statistiche

 

La struttura di una pubblicità

Conoscere bene i fondamentali ti permetterà di crescere molto più velocemente. A questo punto voglio spiegarti come è strutturata una campagna su Facebook.

La struttura delle campagne Facebook è divisa in 3 livelli:

Campagna: ogni campagna contiene uno o più gruppi di inserzioni. Una campagna può avere solo un obiettivo.

Gruppo di Inserzioni: un gruppo di inserzioni contiene una o più inserzioni. In questa sezione sceglierai targhetizzazione, budget, programmazione, offerte e posizionamento a livello del gruppo di inserzioni.

Inserzione: le inserzione rappresentano l’aspetto creativo. In questo livello dovrai impostare foto, testo e link.

Ecco una semplice grafica esplicativa:

Struttura campagna Facebook

 

Parti dal perché

Prima di cominciare ti invito a sviluppare una strategia, anche solo abbozzata, per capire dove vuoi arrivare con le Facebook Ads.

Ricorda che Facebook è solo uno strumento, perciò, anche se garantisce ottime prestazioni, se non hai un obiettivo chiaro e preciso tutte le potenzialità saranno sprecate inutilmente.

Quando non hai una strategia chiara ti soffermi troppo sugli aspetti tecnici e perdi di vista il vero obiettivo.

Ecco alcune domande che puoi porti per capire quale strategia seguire:

  • Cosa sto promuovendo?
  • Chi è il mio pubblico?
  • Il pubblico che vede la pubblicità mi conosce?
  • Qual’è l’obiettivo finale della campagna?
  • Quale beneficio sto offrendo?
  • Come verrà usato il prodotto/servizio?
  • Voglio raccogliere le mail, aumentare il traffico al sito o solo vendere?

Queste sono solo alcune domande essenziali per capire come muoverti in seguito. Tranquillo dopo avere creato diverse inserzioni non dovrai porti più queste domande, sarà il tuo cervello ad elaborare inconsciamente queste operazioni.

Hai la tua strategia? Allora puoi creare la tua inserzione facendo clic sul pulsante verde “+ crea”

 

Crea inserzione Facebook

Capitolo 2

Scegli il giusto obiettivo

Dopo aver cliccato sul pulsate “+ Crea” dovrai scegliere l’obiettivo della tua pubblicità. Facebook ottimizzerà la tua campagna in base a questa scelta quindi falla con attenzione.

Per esempio se scegli come obiettivo interazione, Facebook mostrerà la tua inserzione a tutte quelle persone che nel tempo hanno dimostrato di interagire di più con le pubblicità.

 

Obiettivi Facebook Ads

 

Hai 11 obiettivi tra cui scegliere divisi in 3 categorie:

Notorietà

  • Notorietà del brand
  • Copertura

Considerazione

  • Traffico
  • Interazione
  • Installazione dell’app
  • Visualizzazione del video
  • Generazione di contatti
  • Messaggi

Conversione

  • Conversioni
  • Vendite dei prodotti del catalogo
  • Visite al punto vendita

 

Valutiamoli uno ad uno, cercando di capire quali sono i più efficaci:

 

Notorietà del brand

Ecco la descrizione di Facebook per questo obiettivo: “Aumenta la notorietà del tuo brand raggiungendo le persone a cui potrebbe interessare.”

A me sembra una descrizione piuttosto vaga, ho utilizzato poche volte questo tipo di obiettivo con scarsi risultati.

Voto 3/10

 

Copertura

L’obiettivo copertura ci permette di impostare la frequenza con la quale la stessa persone vedrà più volte la pubblicità. Impostando una frequenza alta (una persone vede più volte la pubblicità) può essere efficace nelle campagne in cui c’è un offerta a tempo limitato.

Voto 6/10 (buono solo se si deve pubblicizzare un’offerta a tempo limitato)

 

Traffico

Questo è uno degli obiettivi che uso di più perché è tra quelli che portano più risultati. Il suo scopo è molto semplice quanto efficace, portare gli utenti al di fuori di Facebook, di solito al proprio sito.

Imparare ad usare correttamente questo obiettivo sarà fondamentale per la tua riuscita. Una volta accumulati molti dati con questo obiettivo potrai creare combinazioni di pubblico fenomenali a partire dalle conversioni sul sito.

Voto 9,5/10

 

Interazione

Ecco un altro obiettivo interessante. Con l’obiettivo “interazioni” Facebook mostrerà la tua pubblicità a tutte quelle persone che hanno dimostrato di interagire molto con le pubblicità tramite like, commenti e condivisioni.

Questo obiettivo si divide in tre sotto-obiettivi:

  • Interazione con i post
  • “Mi Piace” sulla pagina
  • Risposte a un evento

C’è poco da spiegare qui, quello che ti consiglio al 100% è “interazione con i post“, perché non solo farai conoscere meglio il tuo business, ma accumulerai anche diversi “mi Piace” sulla pagina senza creare un’inserzione apposita. Come si dice: due piccioni con una fava.

Voto 8/10

 

Installazione dell’app

Molto semplice, se hai sviluppato un app, è l’obiettivo che fa per te. Ti permette di dare una grossa spinta iniziale per macinare download del tuo progetto. Se non hai un app è totalmente inutile.

Non ho mai usato questo pubblico perciò non posso esprimere il mio voto.

 

Visualizzazione del video

Facebook ha spinto sempre molto la visualizzazione dei video sia in organico che a pagamento. Se riuscirai a realizzare un ottimo video, questo obiettivo farà esplodere la tua azienda.

Dopo avere fatto girare per un pò il tuo video potrai anche creare dei pubblici in base a quanta percentuale del video è stata visualizzata. Questo si che vuol dire fare remarketing come si deve!

Voto 9/10

 

Generazione di contatti

Lo scopo di questo obiettivo è raccogliere dati degli utenti (occhio alla GDPR) per ricontattarli in futuro. Puoi raccogliere mail, telefono, indirizzo, data di nascita e tanto altro.

Il vantaggio è che una volta cliccato sull’inserzione l’utente vedrà il modulo già compilato da Facebook con i dati che l’utente ha inserito sul suo profilo. Geniale no?

Voto 8/10

 

Messaggi

Questo obiettivo serve a ricevere messaggi dai clienti. Uno consiglio molto basilare: non mostrare questo tipo di pubblicità a persone che non ti conoscono, difficilmente si chatta con brand o una persona che non si conoscono.

Usalo piuttosto per chiedere, a chi già ti conosce: opinioni, sondaggi o eventuali dubbi sull’acquisto.

Voto 7/10

 

Conversioni

L’obiettivo “conversioni” è ottimizzato appunto per far compiere delle azioni. A questo scopo però è necessario aver installato il Pixel sul sito per monitorare le varie conversioni (come un acquisto) in modo poi da far capire a Facebook come catalogare un azione sul sito.

Questo pubblico diventa efficace solo quando si ha un grosso volume di conversioni.

Voto 8/10

 

Vendite dei prodotti del catalogo

Se hai un e-commerce che vende diversi prodotto questo è l’obiettivo che fa per te. Con questa strategia vai a mostrare l’esatto prodotto che l’utente ha visto sul tuo sito, un remarketing coi fiocchi.

Voto 7,5/10

 

Visite al punto vendita

Se hai un punto vendita puoi utilizzare questo obiettivo per cercare di avere più visite. Io sinceramente non l’ho mai usato perché ho trovato sempre un obiettivo più adatto per il mio scopo.

 

 

Capitolo 3

CREARE UN PUBBLICO

L’aspetto più determinante di una pubblicità su Facebook: il pubblico.

Prova a pensare: scegli la giusta strategia, una bella foto ed un bel testo, insomma una pubblicità perfetta… ma la mostri a persone che non sono interessate, secondo te come andrà a fine? Male, molto male.

Il pubblico rappresenta il cuore pulsante dell’inserzione, per questo è fondamentale dedicarci tempo e attenzione in fase di creazione.

 

Ecco una semplice grafica per capire meglio come funziona:

Infografica pubblico Faceboo k Ads

 

  1. Scelta pubblico salvato
  2. Aggiunta pubblico personalizzato
  3. Impostazione dei luoghi
  4. Età, genere e lingua
  5. Interessi, dati demografici e comportamenti
  6. Connessioni con la tua pagina, app o evento
  7. Dimensione totale del pubblico
  8. Persone che potresti potenzialmente raggiungere ogni giorno

 

Pubblico salvato

Un pubblico salvato è un pubblico che hai creato in precedenza e appunto hai salvato. In questo modo potrai riutilizzarlo quanto volte vuoi senza doverlo ricreare da capo.

 

Pubblico personalizzato

Il pubblico personalizzato è composto da tutte quello persone che hanno interagito con la tua pagina Facebook (o Instagram) e il tuo sito. Più avanti troverai una sezione dedicata a questo particolare tipo di pubblico.

 

Luoghi

In questo punto puoi scegliere in quali luoghi verrà mostrata la tua inserzione.

Nel menù a tendina puoi scegliere tra:

Luoghi inserzione Facebook

Fai attenzione ogni volta che cominci una nuova inserzione troverai sempre impostato di default “Tutte le persone in questo luogo”, ricordati ogni volta di modificarlo se non fa al caso tuo.

Successivamente puoi selezionare un area geografica specifica inserendo il nome dello stato, regione, città e via.

Luoghi Facebook Ads

Se preferisci puoi utilizzare direttamente il puntatore sulla mappa ed impostare un raggio d’azione.

 

Luoghi puntatore Facebook Ads

 

Puoi aggiungere ed escludere quanti luoghi vuoi dalla selezione.

 

Età e Genere

Qui è tutto come sembra, utilizza questi campi per specificare l’età e il sesso del tuo pubblico di riferimento.

 

Lingue

In questo campo imposti la lingua del tuo pubblico. Se vuoi far arrivare la tua pubblicità ad un pubblico che parla una specifica lingua nell’area geografica che hai specificato prima, puoi farlo qui.

Per esempio se hai una ristorante cinese a Roma puoi intercettare tutti coloro che parlano il cinese nella tua zona.

 

Interessi e comportamenti

Eccoci giunti alla sezione più importante del pubblico. Qui puoi veramente entrare nel dettaglio creando combinazioni efficaci per le tue Facebook Ads.

Questa parte è divisa in tre categorie:

Dati demografici, suddivisa in:

  • Istruzione
  • Aspetto finanziario
  • Avvenimenti importanti
  • Genitori
  • Relazione
  • Lavoro

 

Interessi, suddivisi in:

  • Cibo e bevande
  • Commercio e industria
  • Familiari e relazioni
  • Fitness e wellness
  • Hobby e attività
  • Intrattenimento
  • Sport e attività all’aperto
  • Tecnologia

 

Comportamenti, suddivisi in:

  • Abitudini di acquisto
  • Anniversario
  • Attività digitali
  • Utente di dispositivi mobili
  • ecc..

 

Può volerci un po di tempo prima di imparare come utilizzare al meglio tutte le voci, ma con un po di pratica ti sembrerà tutto più semplice.

Ecco una guida interessante al riguardo >> I 6 pubblici da creare subito per le tue Facebook Ads

 

Connessioni

Qui puoi andare ad intercettare tutte quelle persone che hanno interagito con la tua pagina, la tua app o un tuo evento.

Può essere particolarmente efficace se vuoi mostrare le tue pubblicità ad un pubblico che non ti conosce, o al contrario vuoi far scoprire di più a chi ha già interagito con te.

Questo sono le opzioni:

Pagine Facebook

  • Persone a cui piace la tua Pagina
  • Amici delle persone a cui piace la tua Pagina
  • Escludi le persone a cui piace la tua Pagina

App

  • Persone che hanno usato la tua app
  • Amici delle persone che hanno usato la tua app
  • Escludi le persone che hanno usato la tua app

Eventi

  • Persone che hanno risposto al tuo evento
  • Escludi le persone che hanno risposto al tuo evento

Questi sono tutti i diversi parametri che hai a disposizione per creare un pubblico, una volta individuati quelli chiave puoi cominciare a salvare i tuoi pubblici in modo da poterli riutilizzare velocemente in futuro.

 

Pubblico personalizzato

Oltre alla possibilità di creare un pubblico partendo dagli aspetti visti in precedenza è possibile anche creare dei pubblici personalizzati composti dalle persone che hanno già avuto un contatto con la pagina.

In questo modo puoi creare un pubblico di persone che hanno visto il tuo sito negli ultimi 7 giorni o interagito con un tuo post negli ultimi 30 giorni. Semplicemente impressionante.

Vediamo come puoi creare questo tipo di pubblico:

  1. Vai nell’editor delle inserzioni di Facebook
  2. Apri il menù in alto a destra e clicca su “Pubblico”
  3. Clicca su “Crea un pubblico” sempre in alto a destra e comincia

 

Pubblico Facebook

 

Scegli “Crea pubblico personalizzato”

 

Crea pubblico Facebook Ads

 

Successivamente dovrai scegliere l’azione che ha compiuto il pubblico di riferimento:

 

 

Per esempio scegliendo “Traffico al sito web” vedrai una schermata così:

 

Pubblico personalizzato traffico al sito Facebook Ads

 

Qui potrai scegliere:

  • Tutti i visitatori del sito
  • Chi ha visto una specifica pagina
  • Chi non ha visto una specifica pagina
  • Visitatori in base al tempo trascorso sul sito

Per ognuno di questi parametri potrai anche specificare l’intervallo temporale nel quale è avvenuta quella specifica azione dell’utente.

 

Pubblico simile

Pensavi fosse finita qui? Ti sbagliavi.

Facebook ci mette a disposizione un’ultima opportunità. Reggiti forte perché questa è davvero una bomba.

Si tratta del pubblico simile, infatti come dice la parola, con questa impostazione diciamo a Facebook di creare un pubblico che abbia caratteristiche simili ad un pubblico personalizzato che abbiamo creato in precedenza.

In questo modo si hanno molte più probabilità che l’inserzione vada bene, proprio perché il pubblico che ha creato Facebook è già predisposto, viste le caratteristiche in comune col pubblico al quale somiglia, ad interagire con tale scopo.

 

Ecco come creare questo tipo di pubblico.

In questo caso useremo come pubblico personalizzato i visitatori del sito.

Per prima cosa crea un pubblico personalizzato delle persone che hanno visitato il tuo sito come visto nel paragrafo precedente.

Poi vai nella pagina “pubblico” dall’editor delle inserzioni

 

Pubblico Facebook

 

Clicca su “Crea pubblico” e poi su “Pubblico simile”

 

 

In questo caso creiamo un pubblico simili ai visitatori della pagina negli ultimi 30 giorni. Puoi scegliere la percentuale di affinità in base ad una percentuale da 1 al 10 %. L’1% corrisponde alle persone più simili.

 

Pubblico simile Facebook ads

 

Posizionamenti

Dopo aver scelto il pubblico di riferimento dovrai scegliere dove mostrare la tua pubblicità. La prima scelta è decidere se lasciare il lavoro sporco a Facebook o farlo noi.

Di default troverai sempre “Posizionamenti automatici” ma ti consiglio di scegliere SEMPRE “modifica posizionamenti”.

Nel primo caso infatti Facebook sceglierà i posizionamenti che costano meno ma allo stesso tempo portano meno risultati.

Per avere risultati concreti è fondamentale capire quali sono i posizionamenti più efficaci per il tuo scopo.

Vediamo come scegliere quelli più adatti al tuo scopo

 

Posizionamenti Facebook Ads

 

Dopo aver selezionato “Modifica posizionamenti” ti apparirà questa schermata:

 

Scelta posizionamenti Facebook Ads

 

Anche qui Facebook ci propone una scelta consigliata che non condivido, cioè mostrare la tua pubblicità sia su desktop che su mobile. Per avere dei risultati ottimali ti consiglio di disattivare il posizionamento “computer”, infatti nell’80% dei casi i risultati sono inferiori rispetto al posizionamento mobile.

 

Ecco i 15 tipi di posizionamento. Vediamoli uno ad uno.

FACEBOOK

-Sezione Notizie: il miglior posto per mostrare le tue pubblicità. Scegliendo questo posizionamento infatti le tue pubblicità si camufferanno tra i vari post del Feed degli utenti, non risultando per nulla invasive. Quando sei indeciso su quale posizionamento usare, vai sul sicuro ed usa questo. Garantito al 100%.

-Instant Articles: con questo posizionamento mostri la tua inserzione negli Instant Articles, come forma di Native Advertising. Praticamente la tua pubblicità verrà mostrata in articoli correlati al tuo argomento.

-Video in-stream: disponibile per gli obiettivi Visualizzazioni del video, Notorietà del brand, Copertura e Interazione con i post, con questo Posizionamento puoi mostrare le inserzioni video di 5-15 secondi alle persone che stanno guardando video su Facebook (creati da publisher selezionati che monetizzano i propri contenuti).

-Colonna di destra: con questo posizionamento la tua pubblicità apparirà sulla colonne destra di Facebook (solo da pc). Di solito da risultati piuttosto scarsi.

-Video consigliati: una volta che si comincia a vedere un video su Facebook, la piattaforma consiglia un nuovo video da vedere una volta terminato il primo. Se vuoi apparire in questo punto utilizza questo posizionamento.

-Marketplace: da qualche tempo Facebook ha introdotto un mercatino in cui è possibile inserire annunci di vendita. Utilizzando il posizionamento “marketplace” la tua pubblicità apparirà tra i vari annunci.

-Stories: come Instagram, anche Facebook ha introdotto le Storie, se vuoi mostrare la tua inserzione tra un storia e un altra puoi farlo con questo posizionamento. Ricordati di usare immagini o video adatti al formato è verticale (9:16).

 

INSTAGRAM

-Sezione Notizie: con questo posizionamento le tue pubblicità appariranno tra i vari post del feed di Instagram.

-Instagram Stories: se vuoi inserire le tue pubblicità mentre un utente sta vedendo le storie dei profili che segue puoi farlo qui.

 

AUDIENCE NETWORK

Più che spiegare i vari posizionamenti voglio soffermarmi su cos’è l’audience network, visto che anche molti addetti ai lavori lo ignorano.

A detta di Facebook: “Audience Network consente agli inserzionisti di estendere le campagne Facebook e Instagram su Internet, in migliaia di siti web e app di qualità elevata.”

Hai presente quando giochi sul telefono e ti appaiono le pubblicità tra una partita e un altra? Ecco quello è l’audience network.

Di solito il traffico proveniente da questo posizionamento è piuttosto di basso livello. Ti consiglio di non utilizzarlo, almeno se sei ancora in fase di apprendimento di come funziona Facebook Ads

 

MESSAGGI

-Posta: con questo posizionamento andrai a occupare un banner pubblicitario posizionato tra le varie conversazioni di messenger. Utile se si vuole stimolare una conversazione con l’utente.

-Storie: valo lo stesso discorso fatto per quelle Instagram e Facebook

-Messaggi sponsorizzati: con questo posizionamento è possibile inviare dei messaggi sponsorizzati a coloro che ci hanno già scritto in passato (per farlo è necessario creare un pubblico apposito)

 

Questi sono i posizionamenti disponibili. Sicuramente in futuro Facebook ne implementerà altri, il consiglio è testare sempre quali funzionano e quali no.

 

Suggerimento 1: Per diventare un vero pro ti consiglio di utilizzare sempre e solo un posizionamento alla volta per i tuoi gruppi di inserzione, in questo modo riuscirai ad analizzare in modo preciso i risultati ottenuti e ottimizzare le tue Facebook Ads.

 

Suggerimento 2: se vuoi subito partire col piede giusto senza mille test, utilizza il posizionamento mobile e seleziona solo “Notizie Facebook”

 

mobile sezione notizie Facebook Ads

 

Capitolo 4

BUDGET E ANALISI

E’ arrivata l’ora di impostare il budget. Hai due opzioni in questo caso:

  • Budget giornaliero
  • Budget totale

Budget Facebook Ads

Col “budget giornaliero” spenderai la cifra che imposti tutti i giorni.

Col “budget totale” sceglierai un importo e un periodo di tempo, sarà Facebook a decidere come spendere il budget nell’arco di tempo impostato.

Utilizzando “budget totale” puoi anche scegliere in quali momenti della giornata mostrare le tue inserzioni.

 

Budget programmato Facebook Ads

 

 

Sono sicuro che adesso stai pensando…

“Si tutto ok, ma quanto dovrei spendere su Facebook Ads?”

Questa è una domanda da 1 milione di euro. La risposta dipende da tanti fattori, ma c’è un metodo che può esserti utile.

Una strategia che puoi adottare è quella di partire con un budget basso ed incrementarlo fino a che non vedi un peggioramento dei risultati.

Esempio.

Vuoi raccogliere la mail di potenziali acquirenti con le Facebook Ads. Imposti una campagna per acquisizione di contatti con budget di 3€ al giorno. Scopri che per ogni contatto acquisito spendi circa 30 centesimi.

Decidi di aumentare il budget a 6€ al giorno e dopo qualche giorno di assestamento vedi che il costo si è abbassato da 30 a 25 centesimi. In questo caso puoi aumentare il budget fino a quando non vedi un peggioramento delle prestazioni, naturalmente sempre rimanendo nei tuoi limiti di spesa.

 

 

Conversioni e Pixel

Come dicevo raccogliere i dati di conversione degli utenti diventa fondamentale per la tua strategia di marketing. Ma come puoi controllare questi dati? Grazie al Pixel di Facebook.

 

-Cos’è il Pixel di Facebook?

Il Pixel di Facebook è un codice che una volta installato sul tuo sito ti permette di monitorare tutte le varie analitiche.

 

-Perché è cosi importante?

Una volta che lo avrai installato potrai creare pubblici basati sulle azioni compiute sul sito e questo , fidati,  è oro colato se vuoi rendere efficaci le tue Facebook Ads.

 

-Come si installa?

Per installare il Pixel sul sito dovrai andare nel menù principale dalla “gestione inserzioni” e scegliere la voce “Pixel”

 

Pixel di Facebook

 

Poi scegli Aggiungi un Origine di dati >> Pixel di Facebook.

Aggiungi Pixel di Facebook

 

Successivamente dai un nome al tuo Pixel e inserisci l’indirizzo del tuo sito web.

 

 

Installazione Pixel di Facebook

 

Clicca su Crea e vedrai questa schermata

 

Installazione sito Pixel di Facebook

 

Da qui potrai seguire le istruzioni a schermo, si tratterà solo di installare il codice in un punto specifico del tuo sito.

Se hai difficoltà in questi passaggi puoi usufruire di 30 minuti di consulenza gratuita in privato con me. Puoi scoprire di più qui.

 

Creare una conversione

Come dicevamo prima è molto importante sapere come si muove l’utente nel sito, a questo proposito è fondamentale far capire a Facebook quali azione corrispondono ad una conversione.

Per conversioni intendiamo tutte quelle azioni che compie l’utente sul sito, non è necessariamente un acquisto.

Possono essere per esempio un:

  • Acquisizione di contatto
  • Aggiunta al carrello
  • Clic sul pulsante “contatti”
  • ecc…

Per creare una conversione puoi seguire questi passaggi:

Vai nella pagina del Pixel e clicca su “Crea conversione personalizzata”

Creazione conversione Facebook Ads

 

Ti si aprirà questo pop-up

 

Impostazioni conversione Facebook Ads

 

Potrai utilizzare questi campi per creare la tua conversione.

Naturalmente le impostazioni cambiano per ogni diversa azione, per esempio se vuoi creare la conversione di chi ha visitato la tua pagina dei contatti, metterai nell’URL di quella specifica pagina.

Nel caso si tratti di un acquisto potrai anche inserire l’eventuale costo sulla voce “valore”.

 

 

Capitolo 5

Domande frequenti

Voglio raccogliere in questa parte le domande che sento più spesso su Facebook Ads. Se c’è una domanda che merita molta attenzione ti prego di aggiungerla nei commenti, la aggiungerò presto nell’articolo.

 

1# Si possono avere buoni risultati su Facebook senza investire?

La risposta è molto semplice, oggi NO.

Fino a pochi anni fa era ancora fattibile, ma da qualche anno a questa parte la portata organica (le persone che raggiungi senza pubblicità) è diminuita sempre di più.

Questo è accaduto perché Facebook ormai è saturat di account e pagine. Questo sovraccarico di contenuti da la possibilità al social di monetizzare appunto tramite le pubblicità.

In poche parole, se vuoi avere risultati su Facebook non hai scelta, puoi solo investire.

 

2# Quanto ci vuole ad imparare ad usare bene Facebook Ads?

E’ piuttosto relativo, dipende quante ore al giorno passi nella piattaforma.

Se sei un piccolo imprenditore e vuoi utilizzare Facebook Ads ti consiglio di imparare bene le basi e non andare mai oltre una certa complessità. Potresti ritrovarti a buttare una mare di soldi.

Ti consiglio inoltre di farti affiancare da una figura che possa aiutarti a migliorare e monitorare i tuoi risultati.

In questo caso potrebbero bastare 2-3 mesi.

 

Se invece vuoi farlo per terzi e quindi a livello professionale i tempi si allungano ma con essi anche le possibilità di guadagno. Potresti diventare un professionista in tempi che vanno dai 6 agli 8 mesi.

Un consiglio è quello di acquistare guide e corsi affidabili (ecco il corso ufficiale di Facebook) e fare almeno due volte al mese una coaching privato per affinare le tue specifiche attitudini.

Se vuoi fare una consulenza di prova gratuita con me puoi scoprire di più QUI.

 

3# Facebook Ads fa al mio caso?

Se sei un imprenditore e non sei certo che Facebook possa fare al tuo caso, ci sono due situazione in cui ti consiglio di non investire.

I business che hanno più difficoltà nel trarre vantaggio da Facebook Ads sono principalmente:

  • I business B2B (aziende che vendono ad altre aziende)
  • I business che hanno un prodotto/servizio che ha bisogno di lunghe spiegazioni ed ha un aspetto “poco visivo”

Se ti ritrovi in questi due casi potresti trovare migliori alternative rispetto a Facebook Ads. Per esempio se operi nel B2B potresti spostarti su Linkedin mentre nel secondo caso potresti fare pubblicità su Google.

 

 

Se sei arrivato a leggere fino a qui ti meriti un regalo!

Ecco il tuo bel regalo: 5 strategie usate da professionisti per avere risultati strabilianti con Facebook Ads.

5 Strategie da Pro

Alcune di queste strategie possono sembrare difficili da realizzare, ti garantisco che con un po di pratica riuscirai a metterle in atto senza alcun problema.

Andiamo!

 

1) Utilizza il comportamento “Acquirenti coinvolti”

Con questo comportamento intercetti tutte quelle persone che hanno cliccato sul pulsante di call to action “Acquista ora” nell’ultima settimana.

Può essere un ottimo metodo per mostrare la propria pubblicità a persone propense a fare acquisti tramite Facebook.

Naturalmente è consigliato solo quando l’obiettivo della campagna è quello di vendere un prodotto. In tutti gli altri casi diventa poco utile. Inoltre lo dovrai combinare con altri fattori come interessi e dati demografici per ottenere il massimo dei risultati.

Pubblico Acquirenti coinvolti Facebook Ads

 

2) Fai remarketing

Quante volte hai visito un prodotto su un sito e poi te lo sei ritrovato un nanosecondo dopo su Facebook o Instagram? Tante scommetto.

Sei stato “vittima” del remarketing (o retargeting), praticamente sei stato riacciuffato da una campagna che puntava proprio a tutti coloro che avevano visitato quella pagina.

Mostrare di nuovo un prodotto nel quale l’utente ha già dimostrato interesse può essere una tecnica sensazionale.

Ci sono infiniti modi di per impostare una campagna di remarketing, il più semplice ed efficace è quello di creare un pubblico personalizzato (come descritto sopra) selezionando tutte quelle persone che hanno visto una pagina specifica.

 

3) Carpet Bomb Strategy (solo per attività locali)

Questa attività ha dimostrato in diversi casi di essere un vero e proprio asso nella manica. L’obiettivo come al solito consiste nel generare profitto, ma in questo caso la strategia è tanto semplice quanto efficace.

Ecco gli ingredienti per realizzarla:

  1. Crea un video di 20-30 secondi in cui spieghi cosa offri
  2. Mostralo ai potenziali clienti nella tua zona
  3. Crea un’altra pubblicità con una forte call to action (tipo uno sconto)
  4. Mostrala solo alle persone che hanno visto più del 50% del video

 

In questo modo utilizzi il video iniziale per scremare il pubblico, mentre la seconda pubblicità per chiudere l’affare, il trucco sta nel fatto che far girare un video è molto economico ma ti permette di capire quali sono le persone interessate a quello che hai da offrire (appunto tutti quelli che hanno visto più del 50% del video).

Se non sai come realizzare questa pubblicità possiamo farlo insieme sul tuo pc. Hai a disposizione una consulenza privata gratuita di 30 minuti QUI.

 

4) Usa il copywriting in modo efficace

Troppo spesso vedo pubblicità che si concentrano troppo sull’immagine e poco al testo.

Questo è il mio motto:

L’immagine cattura l’attenzione, il testo converte.

Imparare a scrivere un testo emozionante, avvincente, curioso, simpatico e senza errori è estremamente complesso.

Se vuoi migliorare questi aspetti ti consiglio questo articolo dedicato al copywriting.

Questi sono due semplici consigli da parte mia:

  • Non parlare di tutte le caratteristiche del prodotto/servizio, soffermati piuttosto sui benefici che avrà il tuo potenziale cliente dopo aver acquistato
  • Racconta una storia, le persone amano sentire storie, se riuscirai a inserire il tuo prodotto/servizio in una storia di vita quotidiana avrai fatto bingo

 

5) Testa, sempre e comunque

Questa può sembrare una strategia banale ma probabilmente sarà quella che applicata con pazienza e costanza porterà i migliori risultati.

Mi è capitato tantissime volte di credere che un’immagine, un testo o un pubblico fossero meglio di altri, ma sono stato totalmente smentito dai risultati finali.

Non sempre vince l’immagine più bella, non sempre vince il testo più corto. Vince quella che è più adatta al contesto di riferimento. Testa e vedrai che ti ritroverai a sorridere davanti al pc mentre scorri i risultati inaspettati.

 

Come fare un Test A/B

Li ho sempre odiati. Fino a che non ne ho capito la vera efficacia avevo un repulsione nel testare i vari aspetti di una pubblicità.

Mi dicevo: “Tanto l’immagine più bella è questa, di sicuro!” , “Meglio un testo corto” , “Meglio un pubblico molto specifico, sono certo”.

Ero sempre convinto che facessi la scelta giusta, poi una volta ho fatto un Test A/B.

Da quel giorno non ho più abbandonato questa pratica, e fidati se vuoi risultati concreti con le Facebook Ads non lo farai nemmeno tu.

 

Cosa è un Test A/B?

Un test A/B è un esperimento in cui testi due varianti diversi di una campagna che differiscono per un solo aspetto per vedere quale da migliori risultati.

Per esempio se sei indeciso su quale tra due immagini sia migliore puoi testarle. Fai partire due gruppi di inserzioni che differiscono solo per quell’aspetto (l’immagine) e dopo qualche giorno vedi quale delle due ha dato risultati migliori.

 

 

CONCLUSIONE

Siamo giunti alla fine dell’articolo ma voglio darti un ultimo consiglio, quello che avrei voluto avere io quando ero all’inizio.

 

Il consiglio che avrei voluto leggere prima

Quando ho iniziato a fare pubblicità online avrei pagato oro per sapere quello che sto per spiegarti adesso.

Mi raccomando, non sottovalutare quello che leggerai, è tutto quello che ti serve per avere successo.

—-

Quando si ha un business l’obiettivo finale è sempre e solo uno, guadagnare soldi.

Tutti i business condividono questo aspetto di fondo.

Eppure se pensi a vari brand che conosci sembrano tutti cosi diversi

Sai perché? Perché hanno un approccio diverso per portare il cliente a spendere soldi. Tutti condividono l’obiettivo finale, ma ognuno ha il suo metodo per raggiungerlo.

Non sono qui per dirti quale dovrebbe essere il tuo metodo, non lo so nemmeno io.

Quello che voglio darti è un consiglio da amico.

Quando fai business stai chiedendo soldi in cambio di un prodotto o servizio. Banale, ma è cosi.

Puoi essere diretto, puoi girarci intorno, puoi proporre una vendita dopo mesi che il cliente ti ha conosciuto, eppure dovrai rispettare sempre un semplice aspetto: DEVI DARE VERO VALORE.

Qualunque sia il tuo business, questo è l’aspetto che conta di più. Se il cliente percepirà il tuo valore sarà ben contento di sceglierti. Se rispetterai le sue aspettative avrai fatto centro.

 

Quindi la domanda è: stai dando vero valore?

La risposta la puoi sapere solo tu, ma sappi che se non è “assolutamente si” vuol dire che hai un problema.

Cambia approccio, offri di più, diventa più preparato in quello che fai. Il rischio altrimenti è enorme e non c’è pubblicità che tenga.

 

Ogni cliente al giorno d’oggi ha solo l’imbarazzo della scelta tra le infinite offerte del mercato (in ogni settore).

Se vuoi diventare la scelta di qualcuno, devi fare prima una scelta coraggiosa tu.

 

Scegli chi essere. Sarà questa scelta ad illuminare la tua strada.

 

Parti da qui.

Poi pensa al resto.

 

Un saluto,

Dario

 

 

Se hai risposto “assolutamente si” alla mia domanda, ma non sai come comunicare in maniera efficace online il tuo progetto posso aiutarti. Possiamo sentirci su Skype per parlare dei tuoi obiettivi e valutare se collaborare insieme.

Trovi tutti i dettagli QUI